Skip to main content

I filler di acido ialuronico sono efficaci contro rughe e segni del tempo, perché riempiono le zone di depressione, donano volume e nutrono la pelle con una sostanza che la rende naturalmente giovane. Un utilizzo poco conosciuto dei filler di acido ialuronico è nel trattamento delle cicatrici o traumi facciali. 

 

Le cicatrici, infatti, danneggiano la normale elasticità della pelle, creano squilibri nei volumi del viso e zone di depressione. La chirurgia estetica può migliorare l’aspetto dei traumi più gravi o evidenti, ma i filler di acido ialuronico possono integrare efficacemente la chirurgia, andando ad agire sui volumi e sull’elasticità della pelle.

 

Acido ialuronico: perché è efficace contro le cicatrici

 

I filler a base di acido ialuronico sono efficaci per correggere le depressioni e le sproporzioni causate dai traumi o dalle cicatrici. In particolare, il trattamento con acido ialuronico è indicato per l’area di sopracciglia, fronte, zigomi, mento, mandibola e naso. In questi casi il filler può riempire i solchi scavati dalle cicatrici, rendendo la superficie e i volumi dell’area molto più uniformi, pareggiando le aree depresse con il resto della cute.

Inoltre, poiché l’acido ialuronico è una delle sostanze naturalmente prodotte dalle cellule della pelle preposte alla sua elasticità e giovinezza, i filler saranno alleati preziosi che renderanno la pelle danneggiata più elastica e più capace di rigenerarsi, andando a migliorare la condizione della zona cicatrizzata.

Non solo antiaging o “ritocchini”: i filler di acido ialuronico possono essere una soluzione importante per donare sicurezza e serenità a chi ha necessità di contrastare la presenza di cicatrici o traumi al volto.

I nostri specialisti sono a disposizione, per pianificare con te il trattamento adeguato per raggiungere i risultati ideali. Prenota subito un check-up gratuito.

 

Grazie per aver visualizzato questo post. Starks attualmente fornisce soluzioni di gestione dell’età in cliniche situate in Francia, Grecia e Italia. Fai clic di seguito per leggere questo articolo in una di queste lingue.