Autotrapianto Capelli Fue

Autotrapianto Fue e Fut: cosa cambia e qual è migliore?

By 15th Dicembre 2018 No Comments

Ciao e bentornato in Starks, oggi parliamo della differenza tra due metodi di autotrapianto capelli, la tecnica Fut, meglio nota come Autotrapianto Strip e l’innovativa tecnica Fue One Touch, un miglioramento della più nota tecnica Fue. Ti ricordiamo che puoi ricevere maggiori informazioni compilando l’apposito form nella sezione contatti, oppure, puoi ricevere una prima visita gratuita presentandoti presso il nostro centro di trapianto capelli a Milano in via Montebello 27.

Procediamo un passo alla volta e cerchiamo di descrivere al meglio in cosa consiste la tecnica di autotrapianto Fut.
La Fut (trapianto dell’unità follicolare) viene considerata la “classica” tecnica di trapianto del capello in passato è stata la tecnica più utilizzata è lo è stata per moltissimi anni. Dopo una prima visita, si procede selezionando e prelevando una porzione di cuoio capelluto (strip) dalla nuca, ritenuta la zona donatrice migliore in quanto non viene sottoposta alle influenze ormonali che generalmente favoriscono la caduta dei capelli.
Le singole strips, dopo essere state estirpate dalla nuca, vengono immerse in una soluzione che per consente ai follicoli presenti nelle strip di poter generare nuovi follicoli dopo l’avvenuto trapianto. La seduta prosegue con lo smembramento dell’intera striscia di cuoio capelluto in singoli follicoli così da poter successivamente essere reinnestati nella zona ricevente tramite incisioni realizzate con un bisturi. Si conclude questa prima fase di espianto e innesto applicando alcuni punti di sutura nella zona donatrice ottenendo infine una cicatrice lineare spessa all’incirca 2 millimetri.
La cicatrice è sottilissima e difficile da identificare a prima vista.
Terminato il trapianto il paziente lascia la clinica ma dovrà recarsi in clinica il giorno seguente per:
– effettuare un lavaggio della testa,
– consentire ai medici di effettuare un ulteriore controllo di tutti gli innesti
– ricevere tutte le indicazioni necessarie alla cura e al lavaggio del cuoio capelluto.
Generalmente ad operazione conclusa e nei 7 giorni successivi si proverà una sensazione di gonfiore e di insensibilità del cuoio capelluto ed entro il dodicesimo giorno il chirurgo rimuove i punti dalla zona donatrice.
La zona operata resterà atrofizzata per un periodo di tempo che può variare da uno a tre mesi, ma già dal terzo mese saranno visibili i primi risultati del trapianto e si potrà procedere con la prima seduta di Tricopigmentazione, utile a occultare le cicatrici post operatorie. Il risultato definitivo dell’autotrapianto Fut sarà apprezzabile nella sua totalità a circa un anno dalla prima seduta.

Questi, in linea generale, sono gli step tipici dell’autotrapianto del capello con tecnica Fut anche se, possono esserci piccole variazioni in base al centro in cui ci si opera.
Per quanto riguarda la nostra variante del metodo Fue, il Fue One Touch, che eseguiamo nel nostro nuovo centro di trapianto e cura del capello a Milano in via Montebello 27, gli step da seguire sono diversi e semplificano di gran lunga tutta la procedura.
Il concetto è simile: espiantare i follicoli da una zona donatrice e innestarli in una zona detta “ricevente”, la fase iniziale è pressoché identica alla tecnica dell’autotrapianto Fue.Esportiamo i singoli follicoli (e non una strip, come avviene per la Fut), e li conserviamo per il tempo dell’intervento in una soluzione ( Hypo Thermosol®) per permettere ai follicoli di restare in vita e potersi riprodurre nella fase successiva l’innesto nella zona ricevente. La particolarità del nostro metodo è il modo in cui i singoli follicoli vengono reimpiantati nella zona ricevente del cuoio capelluto. Per farlo usiamo un particolare strumento che abbiamo chiamato Iniettore Choi il quale ci consente di operare un innesto molto più accurato rispetto ogni altro tipo di trapianto attualmente praticato utilizzando aghi in titanio. Grazie al nostro particolare iniettore siamo in grado di prendere i singoli follicoli ed innestarli senza dover praticare incisioni tramite bisturi. Il risultato finale è molto naturale esteticamente più omogeneo e più preciso in quanto per ogni innesto stabiliamo inclinazione, profondità e vicinanza tra i follicoli. Un altro vantaggio è il minor traumatismo sia del cuoi capelluto che dei singoli follicoli riducendo al minimo lo stress meccanico permettendo un considerevole attecchimento dei follicoli ed un minor trauma ( e dolore) per il paziente. Inoltre l’autotrapianto Fue One Touch, a differenza della classica Fut, non prevedendo il prelievo della striscia di cuoio capelluto evita cicatrici, accorcia i tempi di guarigione ed evita un secondo intervento a distanza di tempo per la rimozione dei punti.

Grazie per aver letto,

se desideri ulteriori informazioni o vuoi prenotare una consulenza gratuita CLICCA QUI.
Se vuoi maggiori informazioni su Autotrapianto Fue One Touch CLICCA QUI.

A presto,

Starks.